fbpx
Home/Blog/Il dizionario della moda italiano – inglese

Blog

Il dizionario della moda italiano – inglese

Ciao a tutti!

Come va da quelle parti?

Il post di oggi voglio dedicarlo alla terminologia della moda e della sartoria in particolare. Non so voi, ma quando ho cominciato a cucire da autodidatta ho trovato molta difficoltà nel reperire materiale che spiegasse bene i termini tecnici del cucito e della modellistica. Avendo poi perlopiù studiato da libri e corsi in lingua inglese mi sono dovuta ad un certo punto scontrare con la difficoltà di entrare in una merceria qui in Italia e spiegare cosa volessi con nella testa centinaia di termini inglesi e nessuno italiano! E c’è di peggio… magari alcune volte pensavo di poter tradurre letteralmente dall’inglese alcune parole e capivo immediatamente di sbagliarmi quando mi beccavo occhiate stranite dal venditore di turno. Idem per i negozi di stoffe, inutile dirlo.

E allora? Beh, ho cominciato a fare un po’ di ricerche, ho acquistato alcuni libri di cucito in italiano (solo per poterli usare come dizionario!) ed imparato un po’ di termini utili. Eppure, devo dirvi la verità, trovo ancora oggi difficile ricordare tutto, a volte la mia memoria vacilla e faccio confusione!

Così ho pensato di scrivere un piccolo dizionario della moda con tutti i termini più comunemente usati e la loro traduzione in lingua inglese. Sarà sicuramente utile a me per dare una mano alla mia memoria e… magari sarà utile anche a voi! Adesso vi chiederete: perché dovrei conoscere i termini del cucito in inglese quando conosco già quelli in italiano? Beh, vi ho già parlato (e ve ne sarete accorte voi stesse) del fatto che qui in Italia imparare a cucire da autodidatte è veramente un’impresa perché le risorse scarseggiano, a parte i pochi libri sull’argomento. Ma se capite un po’ l’inglese e provate a cercare qualche termine tecnico su google, vedrete che vi si aprirà un mondo! Corsi, tutorial online, post nei blog, guide passo-passo, libri… praticamente una montagna di informazioni a vostra disposizione. E allora perché non approfittarne? Se sapete come si traducono alcuni termini sarà più facile fare le vostre ricerche e trovare le risposte alle vostre domande.

E se non parlate l’inglese? Beh magari non seguirete un corso, ma potrebbe sempre farvi comodo conoscere qualche termine per i vostri acquisti online. Come per le risorse didattiche, anche per le attrezzature l’estero è infatti una fonte inesauribile di sorprese. Tanti strumenti per il cucito, difficilmente reperibili qui in Italia, sono infatti facilissimi da trovare fuori, oltretutto a prezzi molto più vantaggiosi (anche considerate le spese di spedizione). Ecco allora un altro motivo per sapere qualche parola in inglese e riempire così la vostra prossima shopping list per il cucito!

Esiste anche un’ultima ragione per cui credo sia utile conoscere i termini tecnici inglesi: i cartamodelli. Voi come vi procurate i vostri cartamodelli? Edicola, riviste di moda (es. Burda, Modellina, etc.), giusto? Sapete che all’estero ci sono tantissime independent designers che realizzano cartamodelli fantastici per tutti i gusti? Alcune di loro hanno un sito o blog personale con anche uno shop online, altre si affidano a negozi online specializzati. In ogni caso, se varcherete il confine (almeno telematicamente!) riuscirete ad avere molta più scelta per i vostri cartamodelli.

Avete poi paura di non riuscire a capirci niente una volta comprati? Se conoscete alcuni termini non sarà poi così difficile. Primo perché anche se i segni sui cartamodelli possono variare, fondamentalmente usano tutti un linguaggio chiaro e piuttosto standard, fatte alcune eccezioni, quindi potete interpretarli facilmente. Quanto alle istruzioni, quello può essere lo scoglio più grande. Ma se vi accertate che siano presenti le illustrazioni passo-passo, con qualche traduzione qua e là, vedrete che sarà possibile portare a compimento la missione!

Beh, per oggi è tutto. Vi lascio con il dizionario con tutti i vocaboli da poter utilizzare per i vostri esperimenti di cucito… internazionali!

A prestissimo, un caro saluto a tutte e tanti tanti auguri di Buon Natale!

  • Moda (fashion)
  • Abbigliamento (clothing)
  • Indumento (garment)
  • Modellistica (patternmaking)
  • Abito, vestito (dress)
  • Abito (completo) (suite)
  • Gonna (skirt)
  • Camicia (shirt)
  • Blusa (blouse)
  • Maglietta, maglia (t-shirt, top)
  • Giacca (jacket)
  • Cappotto (coat)
  • Pantaloni (pants, trousers)
  • Cartamodello (sewing pattern)
  • Pince (dart)
  • Piega (pleat)
  • Tacca/intacca (notch)
  • Arricciatura (gather/gathering)
  • Spacca (slit)
  • Dritto (right side)
  • Rovescio (wrong side)
  • Centro-dietro (center back)
  • Centro-davanti (center front)
  • Drittofilo (grainline)
  • Posizionare sulla piega (della stoffa) (place on fold)
  • Linea di piegatura (fold line)
  • Linea di taglio (cutting line)
  • Paramontura (facing)
  • Ago (needle)
  • Ago doppio (twin needle)
  • Filo (thread)
  • Metro da sarta (tape measure)
  • Spillo (pin)
  • Gesso (tailor’s chalk)
  • Forbici da sarto (tailor’s shears)
  • Forbici (scissors)
  • Forbici da ricamo (bow scissors)
  • Forbici tagliafilo (thread clips)
  • Macchina da cucire (sewing machine)
  • Tagliacuci (serger, overlock machine)
  • Scucirino (seam ripper)
  • Taglierina rotante (rotary cutter)
  • Tappetino da taglio (cutting mat)
  • Curva da sarto (french curve)
  • Abito da cerimonia (ball gown, ceremony dress)
  • Abito svasato (A-line dress)
  • Tubino (sheath dress)
  • Abito senza spalline (strapless dress)
  • Scollo a V (V-neckline)
  • Scollo a barca (boat neckline)
  • Colletto da camicia (camp collar)
  • Colletto alla coreana (mandarin collar)
  • Gonna a tulipano (tulip skirt)
  • Gonna a tubino (pencil skirt)
  • Gonna a pieghe (pleated skirt)
  • Gonna a ruota (circle skirt)
  • Gonna svasata (A-line skirt, flared skirt)
  • Gonna arricciata (gathered skirt)
  • Pieghe a cannone (box pleats)
  • Baschina (peplum)
  • Manichino (body/dress form)
  • Taglia (size)
  • Misure (del corpo) (body measurements)
  • Vita (waist)
  • Fianchi (hips)
  • Petto (bust)
  • Spalle (shoulders)
  • Giromanica (armhole)
  • Scollo (neckline)
  • Cavallo (crotch)
  • Lentezza, vestibilità (ease)
  • Lunghezza (length)
  • Ordito (warp)
  • Trama (weft)
  • Tessuto, stoffa (textile, fabric)
  • (tessuto) al metro (by the metre)
  • Cimosa (selvedge, selvage edge)
  • Tela (canvas)
  • Seta (silk)
  • Lana (wool)
  • Lino (linen)
  • Maglina (knit)
  • Raso (satin)
  • Pizzo (lace)
  • Velluto a coste (corduroy)
  • Velluto (velvet)
  • Imbastitura (basting)
  • Punti molli (tailor’s tacks)
  • Linea di cucitura (seamline)
  • Rifinitura (finishing)
  • Attaccare una cerniera (installing a zipper)
  • Punto (di cucitura) (stitch)
  • Ribattitura (topstitching)
  • Impuntura a riva (edge stitching)
  • Cucitura inglese (french seam)
  • Cucitura ribattuta doppia/doppia piatta (flat-felled seam)
  • Rifinitura a sbieco (bias bound)
  • Fodera (lining)
  • Controfodera (underlining)
  • Orlo (hem, hemline)
  • Imbottitura (interlining)
  • Corpino (bodice)
  • Cinturino (waistband)
  • Colletto (collar)
  • Manica (sleeve)
  • Polsino (cuff)
  • Tasca (pocket)
  • Tasca a filetto (welt pocket)
  • Asola (buttonhole)
  • Spallina (es. per giacche) (shoulder pad)
  • Spallina (dell’abito) (shoulder strap)
  • Cerniera (zipper)
  • Pattina (button placket)
  • Ago (machine needle)
  • Piedino premistoffa (presser foot)
  • Guidafilo (thread guide)
  • Filarello (bobbin winder)
  • Bobina (bobbin)
  • Portarocchetto (spool holder)
  • Tensione del filo (thread tension)
  • Selettore del punto (stitch selector)
  • Fermatura del punto (backstitching)
  • Infila-ago (needle threader)
  • Trasportatore (feed dog)
  • Placca dell’ago (needle plate/throat)
  • Volantino (hand wheel)
  • Leva ginocchio (knee lever)
  • Imbottitura (interlining)

4 risposte a “Il dizionario della moda italiano – inglese”

  1. Che meraviglia! Grazie!
    Ho trovato il tuo dizionario, salvifico!!!
    Sono sarta fai da te da moltissimi anni ma non conosco l’inglese.
    Ho comprato un cartomodello on Line in inglese e stavo impazzendo!
    Grazie di nuovo
    Annamaria

    • Ciao Annamaria! Grazie per il tuo commento! Ti capisco, anche se conosci l’inglese conoscere la terminologia tecnica è tutta un’altra storia. Buon cucito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *