fbpx
Home/Blog/Come usare la macchina da cucire

Blog

Come usare la macchina da cucire

Guide e risorse Simona 0 Commenti

Succede spesso. Parlo del mio lavoro e la frase ricorrente è: “Wow, mi piacerebbe un sacco fare quello che fai tu, è che proprio non ne sarei capace!”. Eh sì… chi di noi donne non ha sognato, almeno una volta nella vita, di avere un guardaroba interamente handmade e di poter ideare e creare i propri abiti? E quanto spesso ci siamo anche convinte che cucire sia una qualche strana forma di magia nera che non puoi imparare a meno che tu non sia un rarissimo talento naturale?

Beh, care mie, buone notizie: ci sbagliavamo! La mia storia ne è l’esempio: ho cominciato a cucire i miei vestiti circa un anno e mezzo fa e oggi sono qui a parlarvi di cucito e a fare di ago e filo il mio lavoro. Quindi non mollate e non rinunciate al vostro sogno di un guardaroba handmade, potete farcela!

Primo passo: imparare ad usare la macchina da cucire, che diventerà la vostra più fedele alleata.

Sono certa che alcune di voi ne hanno già una, magari perché l’hanno ereditata dalla nonna o l’hanno trovata in una polverosa soffitta o magari l’hanno addirittura comprata ma non hanno mai imparato ad usarla e la tengono lì, in un angolo, dimenticata. Beh, correte a spolverarla perché questo post vi spiegherà come usarla con semplici istruzioni passo-passo. Se non sapete bene come funziona una macchina da cucire, quali sono le parti che la compongono e come funzionano insieme, potete dare un’occhiata a quest’altro post.

Allora, siete pronte? Cominciamo!

1 – Avvolgi il filo nella bobina

Il primo passo è avvolgere il filo nella bobina. Le macchine da cucire funzionano con un filo superiore ed uno inferiore che insieme formano i punti. Quello inferiore è avvolto in una piccola bobina che si trova al di sotto del piedino premistoffa. Il meccanismo per avvolgere il filo nella bobina può variare in base al modello della macchina da cucire. Oggi vi mostrerò un modo per farlo, che è anche piuttosto comune. Date un’occhiata al manuale d’istruzioni della vostra macchina se avete dubbi su come funzioni nel vostro caso.

Posizionate il rocchetto di filo che volete utilizzare nel portarocchetto e bloccatelo con l’apposito fermo in plastica. Posizionate la bobina sul filarello.

Tirate il filo del rocchetto e passatelo attorno al guidafilo per l’avvolgimento della bobina.

Se la vostra macchina da cucire ha un ferma/taglia filo alla base del filarello (come nel mio caso), tenete la bobina ed avvolgete manualmente il filo attorno ad essa per 2-3 giri. Poi fate scorrere l’estremità del filo lungo il ferma/taglia filo che taglierà l’eccesso e bloccherà il filo per consentire l’avvolgimento. Se, invece, la vostra macchina non ha questa caratteristica, dovete infilare l’estremità del filo attraverso il piccolo foro che si trova sulla bobina. Tenete poi questa estremità fino a qualche secondo dopo aver cominciato l’avvolgimento, in modo che il filo non scorra via.

Per caricare la bobina, dovete innanzitutto disabilitare il meccanismo dell’ago in modo che, premendo il reostato, l’ago resti fermo. In alcune macchine da cucire per farlo è sufficiente tirare verso l’esterno o spingere verso l’interno il volantino, in altre (come la mia) basta semplicemente spostare il filarello verso destra. Fate riferimento al manuale d’istruzioni della vostra macchina per dettagli sul vostro specifico modello.

Mentre caricate la bobina, tenete d’occhio il guidafilo per l’avvolgimento della bobina, perché può capitare che il filo esca dalla guida e faccia un vero pasticcio (chiedetemi come faccio a saperlo…!). Io di solito tengo pollice ed indice ai lati del guidafilo per assicurarmi che tutto resti al suo posto. Caricate quindi la bobina quanto necessario, ma non esagerate! Comunque, nella maggior parte delle macchine da cucire c’è un fermo di plastica a lato del filarello che blocca l’avvolgimento quando ha raggiunto il suo massimo. Assicuratevi inoltre che il filo sia distribuito uniformemente sulla bobina, che non ci siano nodi e il filo non sia ingarbugliato. Adesso la vostra bobina è pronta all’uso!

2 Infila la macchina da cucire

È arrivato il momento di infilare la vostra macchina da cucire!

I guidafilo possono leggermente variare da un modello all’altro, ma sono abbastanza simili nella maggior parte dei casi. Date un’occhiata al manuale d’istruzioni della vostra macchina in caso di dubbi.

La maggioranza delle macchine da cucire hanno schemi di infilatura stampati direttamente sulla macchina, quindi è facilissimo infilarle nel modo giusto. I guidafilo sono tipicamente numerati in modo da sapere in quale ordine infilare. Essi garantiscono la giusta tensione del filo che, a sua volta, consente al punto di formarsi correttamente. Se la vostra macchina sembra non funzionare correttamente e i punti di cucitura sembrano avere qualcosa che non va, provate a rei-infilare la macchina e controllate la tensione del filo superiore. Nella maggior parte dei casi, questo risolve il problema! La sequenza di immagini che trovate di seguito vi mostra come infilare la macchina da cucire attraverso i guidafilo dal rocchetto all’ago. Ricordate di tenere il piedino alzato fintanto che infilate la macchina, questo eviterà che i dischi di tensione siano attivi e che il filo si inceppi al momento della cucitura.

NOTA: se non vedete il piccolo “uncino” (guida numero 4 nelle immagini), provate a girare un po’ il volantino verso di voi e vedrete che verrà fuori!

Adesso potete infilare l’ago. Per facilità, portate l’ago nella sua posizione più alta usando il volantino o l’apposito pulsante (se avete una macchina elettronica). Potete anche utilizzare l’infila-ago, se la vostra macchina ne ha uno.

3 Carica la bobina

Adesso possiamo caricare la bobina. Ci sono due tipi di macchine da cucire: quelle con la bobina a carica frontale (crochet oscillante) e quelle a carica dall’alto (crochet rotativo). Se l’alloggiamento della bobina nella vostra macchina da cucire è visibile sotto il piedino premistoffa e la placca ago (come vedete nelle immagini), allora vuol dire che è a carica dall’alto. Al contrario, se non vedete la bobina, la vostra macchina deve essere del tipo a carica frontale (come quella che vedete in questo video).

Qui vi mostrerò come caricare una bobina a carica dall’alto.

Per iniziare, rimuovete il coperchietto di plastica che copre l’alloggiamento della bobina. Poi, inserite la bobina all’interno in modo che il filo sia avvolto in senso antiorario (o comunque seguite le istruzioni solitamente stampate sulla macchina da cucire). Se non siete sicuri di come vada inserita la bobina nel vostro modello, fate riferimento al manuale d’istruzioni. Bloccate l’estremità del filo avvolto nella bobina come indicato nelle istruzioni. Nel mio caso, ho un paio di guide in cui inserire il filo prima di chiudere nuovamente il coperchietto.

Adesso dovete portare il filo inferiore al di sopra della placca ago. Nelle macchine da cucire moderne (come la mia) questo passaggio non è necessario perché il filo inferiore viene automaticamente portato su quando si avvia la macchina. Tuttavia, in alcuni casi, vi servirà comunque sapere come farlo, ad esempio quando dovete cucire dei punti di arricciatura.

Per portare il filo inferiore al di sopra della placca ago, tenete l’estremità del filo superiore con la mano sinistra a circa 15-20 cm dall’ago.

Mentre tenete il filo, girate il volantino usando la mano destra, finché l’ago va giù e torna nuovamente su. Adesso tirate delicatamente il filo superiore: vedrete che verrà su portando con sé quello inferiore. Passate quindi entrambi i fili sotto il piedino premistoffa e portateli verso il retro della macchina da cucire per circa 10 cm.

4 – Aggiusta le impostazioni

Congratulazioni, avete infilato la vostra macchina da cucire!

Adesso c’è ancora un passaggio da seguire prima di iniziare a cucire: aggiustare le impostazioni della macchina. Questo è qualcosa che dovrete fare ogni volta che cominciate un nuovo progetto, perché le impostazioni relative al punto, alla tensione ed al piedino premistoffa possono variare in base al tipo di stoffa che state usando, in particolare alla sua pesantezza.

Per saperne di più riguardo alla tensione del filo, alla tensione del piedino ed alla lunghezza e ampiezza del punto, date un’occhiata al mio post su come funziona una macchina da cucire. Non dimenticate di testare queste impostazioni su qualche ritaglio della stoffa che userete: questo vi assicurerà sempre il risultato migliore. Un piccolo suggerimento: potete tenere un quaderno in cui attaccate degli swatch dei vostri tessuti con accanto scritte le impostazioni ottimali della macchina in modo da poterle consultare in futuro usando le stesse impostazioni o partendo da quelle per lavorare con stoffe di tipo simile.

Tutte le macchine da cucire hanno anche delle impostazioni standard che funzionano bene sulla maggior parte dei progetti, quindi date un’occhiata al manuale d’istruzioni per conoscere quelle del vostro modello.

5 Comincia a cucire!

Siamo finalmente pronti a cucire!

Sollevate il piedino premistoffa usando l’apposita leva e posizionate sotto la vostra stoffa. Allineate i bordi con il margine di cucitura previsto usando le guide stampate sulla placca ago. Abbassate poi l’ago (girando il volantino o premendo il pulsante apposito). Cominciate sempre a cucire ad un paio di millimetri dall’inizio della cucitura, in questo modo eviterete che il tessuto si incastri all’interno della placca ago. Fatti pochi punti (3-4), tenete la leva o il pulsante di retromarcia e cucite alcuni punti all’indietro fino a raggiungere la posizione iniziale. Questo fermerà la cucitura e non permetterà ai punti di scucirsi. Rilasciate quindi la leva di retromarcia e continuate a cucire normalmente.

Cucite al ritmo per voi più adeguato, specialmente se siete delle principianti. Se la vostra macchina da cucire ha il controllo della velocità, impostatelo ad una velocità medio-bassa e poi aumentatela man mano che diventate più esperte. Fare pratica è davvero la chiave del successo, perciò prendete tutti i ritagli di stoffa che trovate e cucite, cucite, cucite! Potete anche disegnare dei mini-cartamodelli per far pratica con forme reali, solo ad una scala ridotta. Cominciate in ogni caso con forme geometriche semplici, come dei rettangoli, poi passate a forme più complicate. Qui e qui trovate alcuni pattern da stampare per fare pratica, cucendo direttamente sulla carta, o riportandoli sulla stoffa con della carta copiativa. Man mano che prendete dimestichezza con la macchina da cucire, cominciate a cimentarvi nelle curve. Cucire curve non è così difficile, ma come tutte le cose necessita di un po’ di pratica! Disegnate a mano delle curve sulla stoffa con una matita o un pennarello poi provate a seguirle cucendoci sopra a macchina. Il segreto è andare alla velocità giusta che vi permetta di cucire senza dovervi affannare a seguire una curva complicata con la macchina che va più veloce di quanto voi riusciate a gestire!

Piuttosto, quando siete all’inizio, fermatevi, alzate il piedino con l’ago abbassato, girate la stoffa e proseguite a cucire per pochi punti alla volta. Vedrete che imparerete in fretta e la vostra tecnica migliorerà velocemente così che presto potrete cimentarvi nel vostro primo progetto di cucito! Magari una gonna o una canottiera, cosa ne dite?

Beh, è tutto per il post di oggi su come usare una macchina da cucire.

Spero vi sia piaciuto e che lo troviate utile. Se avete delle domande, fatele pure nei commenti qui sotto oppure scrivetemi anche solo per condividere la vostra esperienza! Se invece volete fare un approfondimento sull’utilizzo della macchina da cucire per assumerne pieno controllo, date un’occhiata ai miei corsi introduttivi, online e in laboratorio.

Ciao ciao!

Simona

Non ci sono commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *